Il Presidente
URPEL
posta certificata
RSS
mappa del sito
suggerimenti
accesso facilitato
 
ISTITUZIONE
 
Consuntivo di mandato 2014-2016
 
Albo 
Pretorio on-line

 
Trasparenza, valutazione e merito

SEZIONI
SCELTI PER VOI
Comuni
 Scegli il tuo percorso
Provincia di Piacenza
Sei il visitatore n░ 7290255
IN PRIMO PIANO
Comunicato del 17/03/2017
Clicca per ingrandire l'immagine LA DONNA DI OGGI E LE PARI OPPORTUNITA' NEL LAVORO. AL VIA I PERCORSI PROGRAMMATI
Avviati mercoledi 15 marzo 2017


Mercoledì 15 marzo 2017, è stato avviato, alla presenza della Consigliera Provinciale delegata alle Pari opportunità – Avv. Annalia Reggiani -  presso la Provincia il primo incontro del progetto “La donna di oggi e le pari opportunità nel lavoro”, finalizzato a fornire conoscenze e strumenti utili per migliorare la condizione della donna e degli uomini nel mondo del lavoro, sia per chi è in cerca di un'occupazione che per chi lavora.

Numerosa la partecipazione, 47 le presenze, di cui la maggior parte avvocati iscritti all'Ordine degli avvocati di Piacenza, ma anche rappresentanti di associazioni femminili e donne interessate alle tematiche.

Alla prima giornata erano presenti in qualità di relatori l'Avv. Alessandra Cecca, la psicologa Glenda Marafante e lo psicoterapeuta Luca Bollati – professioniste/i del C.I.P.M. - Centro Italiano della promozione della mediazione.

L'iniziativa si è aperta con i saluti della Consigliera Reggiani, che ha ricordato che il progetto è stato approvato e finanziato dalla Regione Emilia Romagna che vede la Provincia di Piacenza come soggetto capofila, in partnership con il C.I.P.M. - Centro Italiano per la promozione della mediazione  - e lo S.V.E.P. - Centro di servizio per il volontariato di Piacenza -  in collaborazione con i Comuni di Fiorenzuola val d'Arda e Castel San Giovanni, nell'ambito del Bando regionale per la concessione di contributi a sostegno di progetti rivolti alla promozione ed al conseguimento delle pari opportunità e al contrasto delle discriminazioni e della violenza di genere - annualità 2016 e 2017.

Il progetto si inserisce nel filone “B2) promozione di una migliore condizione socio-economica delle donne, anche attraverso la formazione e l'accesso al mondo del lavoro, centrato su due ambiti differenti ma strettamente connessi tra di loro: gli aspetti normativi e le pari opportunità.

La Consigliera ha colto l'occasione per invitare le professioniste presenti ad aderire alla Banca dati Prorete affinché le professionalità femminili da introdurre nelle posizioni di vertice vengano conosciute dai  decisori pubblici. Di recente infatti sono stati siglati i protocolli d’intesa tra il Dipartimento per le Pari opportunità e gli Ordini Professionali, tra cui quello degli Avvocati.

“Oggi -prosegue la Consigliera riprendendo quanto già detto durante la conferenza stampa di presentazione - ci si avvicina al mondo del lavoro in età più avanzata, con un livello di istruzione elevato, con aspettative certamente più alte e con l’intenzione di non abbandonare il lavoro prima di aver maturato la pensione. Emergono pertanto nuove soggettività femminili, in tutte le età, anche nell’età anziana. L’universo femminile è divenuto col passare degli anni fortemente eterogeneo e dinamico: le donne danno maggiore rilievo al lavoro rispetto al passato, rivestono una molteplicità di ruoli nelle diverse fasi della vita, presentano percorsi di vita più complessi e frastagliati. Per questo si è ritenuto che seminari informativi e brochure possano essere di supporto alle/gli utenti, ed in particolare alle donne, per orientarsi e per reperire facilmente informazioni utili e rispondenti ai propri bisogni attraverso le Istituzioni perché il lavoro è diventato una componente importante dell'identità femminile”.

Il progetto prevede la realizzazione di tre cicli di incontri; ogni ciclo si compone di due incontri monotematici, ma strettamente legati fra di loro. Il secondo incontro “dedicato agli aspetti delle pari opportunità” è previsto per mercoledì p.v. sempre in Provincia.

Gli altri appuntamenti sono a Castel S. Giovanni (Villa Braghieri) il 21 e il 27 aprile e a Fiorenzuola (c/o Comune) il 9 e il 16 maggio p.v.

Documenti