tecipazione diretta dei giovani alla vita civile della loro comunità; la promozione del rispetto reciproco, la solidarietà, l’ascolto e la tolleranza tra i giovani finalizzata al rafforzamento della coesione sociale.

Il Progetto inoltre mira a favorire l’incontro tra il mondo dei giovani, quello degli adulti e quello delle realtà istituzionali e a contribuire al miglioramento della qualità degli interventi formativi e pedagogici a favore dei giovani. E’ infatti rivolto ai ragazzi delle scuole, per incentivare e favorire una cultura della partecipazione attiva nella vita della propria comunità.

Ieri, Matedì 6 febbraio, nella sede della Provincia, si è tenuta la prima giornata formativa dedicata alla legalità “Safer Internet Day – Giornata mondiale della sicurezza informatica <<Pericoli in Rete>>”, un appuntamento a cui ne seguiranno altri due: lunedì 12 Febbraio, dalle 9.30 alle 11.00 presso l’Aula Magna ISII Marconi, un altro incontro sui pericoli della Rete, tenuto dal Dott. Filippo Sordi Arcelli Fontana, Capo di Gabinetto della Questura di Piacenza e l’8 marzo sul tema della Violenza sulle donne tenuto da diversi esperti in materia.

L'incontro di ieri, aperto dalla Vice Presidente Patrizia Calza e tenuto dal Sovr. Capo Polizia di Stato Dott. Pietro Vincini, Responsabile Polizia postale di Piacenza, ha visto la partecipazione di un centinaio di studenti del Liceo Colombini e dell’Istituto Casali.

Le statistiche forniscono percentuali alte di casi di cyberbullismo – commenta la Vice Presidente Patrizia Calza - le famiglie non percepiscono tutti i rischi della rete. Una ricerca nazionale dimostra che anche quando i ragazzi incappano in casi di cyberbullismo, solo una percentuale molto bassa intraprende azioni di denuncia. Quella di oggi è una giornata molto importante, come lo sono tutte le iniziative volte a sensibilizzare su un tema così delicato e sempre in crescita e ringrazio il dott. Vincini perché la conoscenza del pericolo è la prima azione per imparare ad evitarlo”. Il mondo in cui crescono i ragazzi oggi si divide tra vita reale e vita virtuale e lo spazio di internet, identificabile ormai come un vero e proprio luogo di incontro quasi una piazza, nasconde pericoli assolutamente reali che non possono essere sottovalutati. I principali soggetti a rischio sono naturalmente i ragazzi che, a causa della loro naturale propensione all’uso di internet, risultano più esposti a cadere nella rete di criminali senza scrupoli.

Il Dott. Vincini ha spiegato “Il 75% dei casi non viene denunciato e deve, dunque, essere trattato in altro modo e ribadisco che il silenzio fa da paravento: anche chi non si interessa del sopruso vissuto da una vittima appoggia il bullismo. Nel 2017 abbiamo ricevuto – prosegue il Dirigente della Polizia Postale - due segnalazioni per cyberbulismo da parte di minori di Piacenza, meno dell’anno precedente, ma non possiamo parlare di una reale diminuzione del fenomeno, anzi, per esperienza personale direi che è in aumento. E i mezzi più utilizzati sono le chat. Il mio invito, per tutelarvi, è di non fidarvi di nessuno in internet.”