Il Presidente
URPEL
posta certificata
RSS
mappa del sito
suggerimenti
accesso facilitato
 
ISTITUZIONE
 
Cantieri aperti: i lavori sulla viabilità e sul patrimonio edilizio
 
Albo 
Pretorio on-line

 
Trasparenza, valutazione e merito

SEZIONI
SCELTI PER VOI
Comuni
 Scegli il tuo percorso
Provincia di Piacenza
Sei il visitatore n░ 8725831
IN PRIMO PIANO
Comunicato del 11/05/2018
Clicca per ingrandire l'immagine CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA DELLA PROVINCIA DI PIACENZA
In tre anni 81 gare per 30 milioni di Euro


Abbiamo appreso da una comunicazione del Sindaco di Sarmato Anna Tanzi, della volontà del Comune di non prorogare la convenzione con la Centrale Unica di Committenza della Provincia di Piacenza. Si tratta di una decisione che rientra nell’autonomia del Comune, di cui la Provincia non può che prendere atto, sottolinea il Presidente Francesco Rolleri.

“Sono rimasto molto sorpreso leggendo l’articolo del quotidiano Libertà di oggi, venerdì 11 maggio, in particolare per le motivazioni addotte dal Sindaco. Come sanno bene i Comuni – continua Rolleri – in Assemblea dei Sindaci è stata condivisa la proroga della convenzione in essere, per adeguarla alle normative in continua evoluzione in materia e in attesa delle nuove assunzioni che serviranno al potenziamento delle funzioni tecniche e di assistenza e in particolare della C.U.C.”

A tutela della professionalità degli uffici si segnala che, nonostante gli elevati carichi di lavoro, la Centrale Unica di Committenza della Provincia, dal 2015 al 2017, ha effettuato 81 gare di appalto per lavori e forniture di servizi per un importo complessivo di circa 30 milioni di Euro, garantendo l’espletamento delle procedure di gara in tempi celeri.
Si fa presente che il Comune di Sarmato ha fatto ricorso alla C.U.C.  una sola volta in tre anni per le procedure di gara per il Servizio di Tesoreria del Comune stesso, che sono state regolarmente espletate.
Si segnala invece che il Comune di Sarmato non ha mai coinvolto gli uffici provinciali in merito alle dal progetto delle Tribune del campo “Cuminetti”.