Il Presidente
URPEL
posta certificata
RSS
mappa del sito
suggerimenti
accesso facilitato
 
ISTITUZIONE
 
Cantieri aperti: i lavori sulla viabilità e sul patrimonio edilizio
 
Albo 
Pretorio on-line

 
Trasparenza, valutazione e merito

SEZIONI
SCELTI PER VOI
Comuni
 Scegli il tuo percorso
Provincia di Piacenza
Sei il visitatore n░ 8403975
Home >> Politiche giovanili >> Progetto 'AZIONEPROVINCEGIOVANI2011/2012' - GINS Giovani In Sicurezza - CONCLUSO

  La Provincia di Piacenza (Settore “Welfare lavoro e formazione professionale”- in intesa con i competenti Assessori alle Politiche del Lavoro, alla Sicurezza, alle Politiche giovanili e alla Viabilità), promuove un progetto sull'ambito tematico della sicurezza stradale volto a proporre un nuovo approccio culturale verso il rispetto di se stessi e degli altri all'interno della società ed una condivisione fra la formazione per migliorare i rapporti fra sé e il gruppo e la guida anticipativa, quale metodologia capace di modificare l'approccio alla strada e alla guida.

Obiettivi del progetto sono:

  • Sensibilizzare i giovani fin da adolescenti e renderli protagonisti attivi e consapevoli della propria sicurezza, capaci di adottare di stili vita sani e responsabili anche sulla strada.

  • Valorizzare la formazione di guida pratica/anticipativa per fornire ai giovani strumenti e tecniche di guida con i quali possono evitare/affrontare situazioni di pericolo, tecniche che a loro volta verranno diffuse dai giovani stessi alla famiglia, ai coetanei e ai conoscenti, utilizzando la metodologia della peer education;

  • Incentivare il “potenziamento personale” dei giovani attraverso tecniche per il miglioramento dell’autostima e il rispetto di sé e del prossimo, e quindi consapevolezza del proprio e dell’altrui valore;

  • Promuovere una politica condivisa della sicurezza stradale per i giovani, lavorando in équipe attraverso il coinvolgimento proattivo degli interlocutori della sicurezza stradale presenti sul territorio per la costituzione dell’Osservatorio;

  • Implementare le migliori prassi sulle quali costruire le attività future di tutti i partecipanti all’Osservatorio con la redazione del “Manuale di Buone prassi di consapevolezza e educazione stradale”;

  • Accrescere grazie alla comunicazione integrata la cultura della sicurezza stradale e dell’importanza di una corretta e sicura tecnica di guida.

I protagonisti sono:

  • studenti degli istituti scolastici superiori, ma anche giovani facenti parte di associazioni giovanili fra cui gruppi teatrali, associazioni sportive e culturali. Giovani di età compresa tra i 14 e i 19 anni, di ambo i sessi, in possesso del patentino di abilitazione alla guida del ciclomotore, o della patente B e giovani che vengono abitualmente trasportati da amici e conoscenti già patentati. (beneficiari diretti)

  • giovani coinvolti indirettamente dalle attività del progetto, che potranno accedere al messaggio sulla sicurezza stradale attraverso il ponte comunicativo instaurato dai beneficiari diretti attraverso la peer education: i giovani che prenderanno parte alle attività trasmetteranno il messaggio ai loro coetanei, amici, parenti, genitori e conoscenti. (beneficiari indiretti)

I soggetti coinvolti sono:

  • la Provincia di Piacenza, quale Ente capofila del partenariato costituito ai fini progettuali con la Provincia di Verona, la Provincia e il Comune di Ascoli Piceno. L’interesse del partenariato è concentrato sui giovani con l’obiettivo da parte di tutti gli assessorati coinvolti delle tre Province e del Comune (politiche giovanili, istruzione, lavori pubblici, sicurezza stradale) di generare una consapevolezza trasversale verso la materia, così come multidisciplinare è il coinvolgimento interno agli enti istituzionali.

  • Le Scuole di II grado, che possono aderire al progetto con classi, gruppi di classi, coinvolgendo i ragazzi nella cultura della sicurezza.

  • Associazioni giovanili fra cui gruppi teatrali, associazioni sportive e culturali che coinvolgano giovani per l’adozione di stili di vita sani e responsabili.

Le Macrofasi del progetto sono 7:

  • Macrofase 1gestione, coordinamento e rendicontazione del progetto

  • Macrofase 2 – disseminazione e comunicazione

  • Macrofase 3 – monitoraggio e valutazione

  • Macrofase 4 – formazione per la cultura della sicurezza

  • Macrofase 5 – giovani per la sicurezza

  • Macrofase 6 – costituzione osservatorio provinciale per la sicurezza stradale

  • Macrofase 7 – implementazione manuale di buone prassi per la sicurezza stradale

Le macrofasi 4 e 5 (vedi dettaglio allegato) si rivolgono ai giovani beneficiari diretti del progetto a cui è dedicata una formazione per la cultura della sicurezza: saranno realizzati corsi di “sviluppo personale” per stimolare da parte dei giovani l’acquisizione di maggiore consapevolezza delle proprie capacità, quale base per l’adozione di stili di vita sani e responsabili, attività di guida anticipativa e formazioni di primo soccorso.

Al termine del percorso formativo starà ai giovani mettere in campo le capacità acquisite e diffondere fra gli amici, la famiglia e i conoscenti una nuova cultura della sicurezza stradale, secondo quelli che sono i principi della peer education.

Il progetto prevede la costituzione degli Osservatori provinciali per la sicurezza stradale. L’organismo territoriale, ai quali i giovani che avranno preso parte alla formazione saranno chiamati a portare idee, esperienze e nuovi stimoli, sarà messo in rete con Ascoli Piceno e Verona, e potranno lavorare in maniera coordinata al fine di definire e individuare un metodo condiviso di lavoro nella raccolta e l’analisi dei dati dell’incidentalità. Gli Osservatori rappresenteranno dei tavoli di lavoro permanenti, destinati a svilupparsi anche dopo la conclusione del progetto, per delineare strategie e applicare buone pratiche sui territori coinvolti.

Grazie alle esperienze maturate da tutti i partner del progetto, sarà implementato il testo del manuale di buone passi per la sicurezza stradale. Il testo sarà prodotto su supporto cd al fine di poter essere distribuito capillarmente sul territorio.

Ampio spazio sarà dato anche alla comunicazione delle attività progettuali e alla disseminazione sul territorio attraverso la realizzazione e l’aggiornamento di un sito web dedicato, la creazione di un account del progetto sui social network più diffusi fra i giovani, l’organizzazione di convegni e incontri pubblici, la scrittura e diffusione di comunicati stampa per tutta la durata del progetto.

Il monitoraggio delle attività sarà garantito dall’istituzione di un Comitato tecnico-scientifico e dalla somministrazione, elaborazione e analisi di questionari che saranno compilati dai giovani coinvolti nel progetto.

L’incontro di presentazione è previsto per mercoledì 25 gennaio 2012 dalle 11.30 presso la Sala del Consiglio via Garibaldi, 50 - Piacenza.

 

Collegamento all'area riservata Azione Province Giovani: Area Privata

Gins,un maxi-progetto per la sicurezza dei giovani (Libertà 26/01/2012)

 

Rassegna Stampa


Documenti